Skip to main content

Vivo in un posto ...

Vivo in un posto dove le onde arrivano sotto la casa.
Un giorno sono giocose e piene di simpatia,
L’altro giorno sono minacciose e ti sputano in faccia tutta la loro rabbia,
Facendo rumore di un treno impazzito.
Ma ogni volta cercano di dirmi qualche cosa,
Fermarmi nelle mie follie, consolarmi, dare un consiglio o ascoltarmi.
E riescono a farlo come per ora non è riuscito fare nessuno.
Anche perché non c’era nessuno.
Nessuno che mi vedeva … Non pretendo dire capiva … Tanto non c’era lo stesso.
Loro invece c’erano da sempre.
Perché c’erano prima di noi tutti quanti.
E questa immensità di acqua qualche senso dovrebbe avere.
Sicuramente lo ha.

Il mare è entrato nella mia vita come non ha mai fatto nessuno.
E pian piano abbiamo imparato a capirci.
Non so se io piacessi a lui.
Neanche non provo a chiedere a me stessa se il mare mi piacesse.
Preferivo sempre le montagne, la terra, i boschi …
Ma da tanto tempo ho davanti soltanto il mare,
che mi manda le sue onde sotto la casa,
Le quale mi sembrano di essere le mie vere amiche, parenti, antenate.
Prima avevo paura del mare, non lo capivo, non lo conoscevo.
Adesso la mia paura è di separarmi da lui.
Ho paura di quello che ci dividerà per sempre.
~ ~ ~ ~ ~
Posted: May 18

Poems entered on these pages are copyrighted by the authors who entered them. They cannot be reproduced without the author's written consent. © Copyright 2001-2021. All rights reserved.

Comments (2)

Oceanzest
Very good, the sea is certainly a friend to many.
I'm relying on Google translator, works well..
Rebootx
Simpatico! handshake
Post Comment - Let others know what you think about this Poem
Report Abuse for this page, if inappropiate

Stats for this Poem

on May 18
133 Views
in Nature
Last Viewed: Jul 31
Last Commented: May 19
Last Liked: Jun 2

Feeling Creative?

We use cookies to ensure that you have the best experience possible on our website. Read Our Privacy Policy Here